Anna Banfi17-mar-2021

Unified Communication & Collaboration: i vantaggi per il business

Le soluzioni di Unified Communication & Collaboration possono essere visualizzate di fatto come la spina dorsale dello smart working. Per quanto la transizione al modello di lavoro agile presupponga un intervento profondo a livello culturale e organizzativo, il passaggio non potrebbe mai concretizzarsi senza il supporto di tecnologie abilitanti come quelle di UCC. Sono loro che rendono efficace la comunicazione multicanale di una workforce sempre più diffusa, sono sempre loro che creano sinergie tra i canali e che, aspetto ancor più centrale, riescono a “riunire” la popolazione aziendale all’interno di un ambiente virtuale collaborativo abbattendo i silos, creando una cultura della condivisione e rendendo l’azienda più produttiva ed efficiente.

Unified Communication & Collaboration: impossibile farne a meno

Le aziende non possono più fare a meno di una soluzione di Unified Communication & Collaboration perché si stanno orientando verso un modello di lavoro ibrido fondato sull’alternanza di luoghi quali ufficio, casa propria e coworking, un paradigma che resisterà alla fine della pandemia e permetterà di superare tutti i vincoli del lavoro tradizionale. Abilitare lo smart working senza un tool che funga da piattaforma stabile per il digital workplace, o peggio ancora con strumenti scoordinati tra di loro, non permetterebbe mai di ottenere i risultati di produttività e agilità promessi dal paradigma smart. Ecco perché l’ambito delle soluzioni UCC è così frizzante e positivo: parliamo infatti di un mercato che – a livello globale – valeva nel 2019 poco meno di 37 miliardi di dollari e che dovrebbe crescere con un CAGR dell’11,9% fino al 2028 (fonte: ResearchandMarkets), a testimonianza del suo ruolo fondamentale per il futuro delle imprese.

Netto incremento di produttività

Adottando una soluzione di Unified Communication & Collaboration e sfruttandola al meglio nell’operatività quotidiana, le aziende possono legittimamente ambire a un incremento di produttività da parte della propria workforce. Diverse le concause: una netta semplificazione delle comunicazioni e dei processi aziendali, la capacità di raggiungere rapidamente qualsiasi persona usando uno smartphone o un tablet, l’assenza di vincoli spaziali e di orario e la possibilità di gestire processi e workflow completamente da remoto, cui aggiungere gli effetti benefici dell’abbattimento dei silos e della creazione di processi incentrati sulla collaborazione.

Più produttività grazie all’employee engagement

Le piattaforme di Unified Communication & Collaboration sono abilitatori naturali di smart working: le aziende devono quindi considerare i benefici diretti di queste soluzioni, già menzionate in precedenza, ma anche quelli indiretti che dipendono dalla trasformazione del modello di lavoro. Lo smart working, in particolare, determina un aumento di employee engagement: dipendenti più liberi e responsabilizzati (empowerment) possono gestire meglio la propria giornata e bilanciare ottimamente il rapporto tra lavoro e vita privata, cosa che si traduce in un aumento di benessere e motivazione, di grinta e produttività.

Riduzione dei costi grazie (anche) al cloud

Tra i benefici delle soluzioni di Unified Communications & Collaboration non possono mancare i saving. Anche in questo caso, alcuni sono direttamente riconducibili allo strumento, e in particolare alla sua erogazione come servizio cloud, altri alla sottostante trasformazione del modello di lavoro. Le soluzioni UCaaS (Unified Communications as-a-service) permettono all’azienda si sostituire software e apparati costosi, gestiti da diversi fornitori, con una soluzione unica fornita come servizio centralizzato in cloud: all’azienda non sono richieste spese in conto capitale (Capex) né l’assunzione di professionisti dedicati alla gestione della piattaforma, la cui disponibilità, l’aggiornamento e la sicurezza sono garantiti da un unico fornitore. Inoltre, le soluzioni UCaaS prevedono l’applicazione di un modello scalabile di costi ricorrenti pay-per-use, che assicura l’allineamento del servizio alle reali esigenze dell’utilizzatore finale.

Inoltre, tra i risparmi indiretti vanno considerati quelli degli spazi aziendali. Il modello di lavoro ibrido prevede un’alternanza di lavoro fuori e dentro l’azienda, da cui una fisiologica riduzione di occupazione degli spazi e di utilizzo dei relativi servizi. Le aziende possono approfittare della trasformazione del modello di lavoro per riprogettare i propri ambienti, passare a un modello di activity based working e risparmiare sulla riduzione delle presenze.

Business Agility, ovvero capacità di assecondare mercato e clienti

La disponibilità di una piattaforma alla base del digital workplace non rende solo le aziende più produttive, veloci e connesse, ma migliora in modo significativo i rapporti coi clienti e le rende più agili e reattive nell’assecondare i trend di mercato. Poter coinvolgere attivamente i clienti, mostrando reattività e proattività è uno dei pilastri della fidelizzazione e dello sviluppo di nuove e interessanti opportunità commerciali.

Avaya propone – a seconda delle esigenze e delle priorità di ciascun business aziendale – 2 soluzioni di punta per una Collaborazione efficiente , efficace e personalizzata : Avaya Spaces e Avaya Cloud Office

CTA-white-paper-come-realizzare-un-progetto-di-digital-workplace

unified communication & collaboration

Anna Banfi

25 anni di esperienza a 360° nell’ area Marketing e Comunicazione di multinazionali italiane ed estere del settore ICT hanno consolidato in me la convinzione di come la tecnologia al servizio dell’uomo possa davvero cambiare e migliorare la qualità della nostra vita e contribuire concretamente allo sviluppo delle nostre comunità. Ed in particolare la tecnologia per comunicare che mette in relazione le persone, ne facilità l’incontro e la collaborazione a vari livelli in un contesto sistemico ed in un’ottica sempre più mobile e green.

Leggi gli articoli di Anna Banfi